img_interna_1
iconaMostre

ARALDI DELLA STORIA


Venerdì 8 novembre
alle ore 18 presso il Museo d'Arte Moderna "Ugo Carà", inaugurazione della mostra "Araldi della storia", doppia personale di Nataša Kos e Giovanni Pulze, a cura di Roberto Vidali, organizzata dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Muggia e dall'associazione Juliet, all'interno del progetto PRACC-Progetto Arte Contemporanea Carà 


Venerdì 8 novembre alle ore 18 inaugura al Museo d’Arte Moderna "Ugo Carà" di Muggia la mostra “Araldi della storia” con le opere di Nataša Kos e Giovanni Pulze. L’esposizione, curata da Roberto Vidali, è organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Muggia e dall’Associazione Juliet all’interno del programma PRACC che l’Amministrazione Comunale ha varato già nel 2007 assieme alle associazioni culturali Gruppo78, Juliet e Photo-Imago, con l’intento di promuovere e valorizzare le nuove forme artistiche contemporanee, in una prospettiva nazionale e internazionale. Il brindisi inaugurale della mostra, che si avvale dell’adesione alla Casa dell'Arte di Trieste, è offerto da Girardi Spumanti.

Motivi, situazioni, temi, all’apparenza diversi, si dispiegano in un unico progetto espositivo, quasi in una sorta di contrappunto, confronto e dialogo. E, sebbene la declinazione delle singole opere conduca a una apparente diversità, l’impeto conduttore, per ambedue questi artisti è il medesimo: l’impeto che li unisce è il ragionare sulla responsabilità che l’uomo contemporaneo deve assumersi, con moto proprio, nella cornice storica di un presente che non dimentica il passato, né le dinamiche del dialogo e della convivenza di mondi dissimili.

Il lavoro di Nataša Kos risulta molto variegato e tocca innumerevoli aspetti: da quello documentaristico a quello sociale a quello creativo e intimo, che in altri anni, all’interno di una professione fotografica legata a sbocchi commerciali e pertanto a tematiche e soggetti determinati dalla committenza, si sarebbe chiamata “ricerca personale”. Ecco, spiegato il motivo per cui il suo lavoro risulta così variegato, e tocca anche aspetti legati a situazioni, sebbene statiche, che possono ricordare aspetti quasi riferibili alle tematiche del comportamento e della performance, nel senso che il riferimento a sé stessi, alla propria presenza all’interno dello scatto fotografico o della situazione inquadrata in senso ambientale non può essere riferita a una semplice idea di ritratto o a una autoreferenzialità tout court, ma anche a una interpretazione, a una volontà di rappresentazione che è segno distintivo (e quindi di separazione) da una fotografia puramente documentaristica, per approdare a quel continente complesso e variegato che sposta l’idea stessa della fotografia sul piano della creatività ovvero di una progettualità artistica e quindi estetica, nel senso più alto del termine, e cioè di pensiero e di filosofia dell’arte.

Giovanni Pulze, invece, nei suoi quadri fissa un’istantanea trasognata della realtà, riprendendo le ombre taglienti e le luci artificiali, e creando un’atmosfera di esistenza provvisoria, quasi a partire da un filtro tecnologico, sia questo la memoria digitale di una macchina fotografica o sia questo il filtro pulviscolare dello schermo televisivo. È un mondo che talvolta può richiamare in superficie la vita moderna, dinamica e contrastata, ma che nel sottofondo nasconde sempre un’indole romantica, incline alla riflessione spirituale e al contrasto dialogico tra uomo  e natura. In definitiva, è curioso sottolineare che il suo angelo/messaggero non dialoga con le persone, che appaiono assorte nei loro pensieri e assenti dal fluire del vivere più profondo,  tanto che gli unici che si rendono conto della sua presenza sono i bambini e gli animali, un po’ come nella “Vocazione di san Matteo” del Caravaggio, dove la luce divina che irrompe nella stanza è avvertita solo da chi è chiamato a rinnovare la sua vita.

La mostra, promossa dall’Associazione Juliet, con l’adesione della Casa dell’Arte di Trieste,  potrà essere visitata a ingresso libero fino a domenica 1° dicembre 2019 con il seguente orario: da martedì a venerdì dalle 17 alle 19, sabato dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19, domenica e festivi dalle 10 alle 12, lunedì chiuso.

FVG_live
Video di presentazione
icona
video_muggia
Iscriviti
icona

Per rimanere sempre aggiornato sulle novità e le iniziative di Muggia e dintorni iscriviti alla newsletter con pochi e semplici passi!

Come arrivare
icona
mappa
puntatore Guida all'installazione dei punti di interesse di Muggia sui navigatori
puntatore Punti di interesse di Muggia per TOM TOM
puntatore Punti di interesse di Muggia per GARMIN
linea
Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Muggia
Piazza della Repubblica, 4 - 34015 Muggia (Trieste)

incipit

|    Home    |    Visitare Muggia    |    Appuntamenti    |    Mediagallery    |    Carnevale    |    Contatti    |
Do NOT click this link or you will be banned from the site, forever !