img_interna_1
iconaprimo piano

AUDACE Bora/Burja

Molo_Audace_di_Giovanni_Montenero_2
Giovedì 12 luglio
 alle ore 19, negli spazi espositivi del Museo d’Arte Moderna "Ugo Carà" di Muggia, inaugura la mostra "AUDACE - Bora / Burja - Finis Jugoslaviae" di Giovanni Montenero, organizzata dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Muggia in collaborazione con l'Associazione degli Sloveni del Comune di Muggia "Kiljan Ferluga" 


Giovedì 12 luglio, alle ore 19, sarà inaugurata presso gli spazi espositivi del Museo d’Arte Moderna "Ugo Carà" di Muggia, in via Roma 9, la mostra del fotografo Giovanni Montenero intitolata "AUDACE - Bora / Burja - Finis Jugoslaviae".
La mostra è organizzata dal Comune di Muggia e dall'Associazione degli Sloveni del comune di Muggia "Kiljan Ferluga" e sarà presentata dal cultore di fotografia Davorin Devetak, dal giornalista e corrispondente estero Sergio Canciani e dal direttore del mensile di Pagine Ebraiche (Roma) Guido Vitale.

Il titolo un po' enigmatico si rifà alla selezione alquanto composita delle opere in visione che vanno dalla produzione più recente a quella storica che data ormai a quasi tre decenni fa. Audace è l'aggettivo e insieme il nome dell'oggetto fotografato: il molo triestino per eccellenza. Audace è Giovanni Montenero che a tutte le ore e in tutte le condizioni atmosferiche s'apposta sempre al solito punto alla radice del Molo Audace, accanto all'ex casa dei doganieri, dove il fotografo ambulante con cavalletto ha scattato per decenni le foto ricordo per i passanti e i visitatori della città. Da qui riprende sempre con la stessa inquadratura soggetti noti, bambini che giocano, pensionati che prendono il sole, innamorati che si baciano, navi da crociera, fuochi d'artificio, regate, canottieri, ma anche "scarti impercettibili di modificazione del mondo circostante", per dirla con Giulio Montenero che ha scritto una densa e affettuosa introduzione al libro di fotografie del figlio Giovanni uscito per l'occasione. La sequenza di riquadri che registrano l'evoluzione del paesaggio marino con colori suadenti e anche vivaci è arricchita da una serie di immagini altrettanto fresche e inusuali della Bora, detta Burja nelle terre confinanti dove nasce (costa e interno istriano-dalmati) e porta maggior scompiglio (Carso e Valle del Vipacco).

Giovanni Montenero lavora per l'Agenzia Regione Cronache (dal 1999) e come fotografo ufficiale della Regione FVG documenta l'attività istituzionale del consiglio e del governo regionale. Ma al pubblico è noto per il suo lavoro di fotoreporter per i giornali di Trieste, dal Piccolo al quotidiano sloveno Primorski dnevnik dove ha affiancato il collega Davorin Križmančič. Ha collaborato con testate nazionali come l'Unità (degli esordi), il Corriere della Sera, la Repubblica, la Gazzetta dello Sport, l'Espresso, Panorama e Famiglia Cristiana, per arrivare al New York Times. E' un fotografo professionale e creativo a tutto tondo: è stato fotografo di scena per i teatri cittadini, il Rossetti, il Verdi e il Teatro stabile sloveno.
Assieme ai colleghi giornalisti di Trieste Oggi e Cronaca del Nord Est, Barbara Gruden e Alessandro Marzo Magno, ha seguito le guerre jugoslave. In mostra ci sono i suoi scatti partecipati in bianco e nero del ciclo Finis Jugoslaviae dedicati all'indipendenza slovena nel 1991 alle porte di Muggia all'ex confine di Rabuiese.

L'inaugurazione sarà aperta dalla Banda Ongia diretta dal maestro Marcello Sfetez e a conclusione ci sarà un brindisi e degustazione con i vini dell'Azienda agricola Bruno Lenardon di Muggia (loc. Pisciolon). Seguirà alle ore 21 il concerto della Banda della compagnia del carnevale Ongia in Piazza Marconi a Muggia.
La mostra rimarrà aperta fino a domenica 5 agosto 2018 con il seguente orario: da martedì a venerdì dalle 18 alle 20, sabato dalle 10 alle 12 e dalle 18 alle 20, domenica e festivi dalle 10 alle 12.



Četrtek, 12.julija, ob 19.00, bo v razstavnem prostoru Muzeja sodobnih umetnosti UGO CARA’ v Miljah, ul. Roma 9, odprtje razstave fotografij Giovannija Montenera z naslovom "AUDACE - Bora / Burja - Finis Jugoslaviae".
Razstavo prirejata Občina Milje in Društvo Slovencev miljske občine "Kiljan Ferluga". Predstavili jo bodo ljubitelj fotografije Davorin Devetak, novinar in dopisnik iz tujine Sergio Canciani ter urednik rimskega mesečnika Pagine Ebraiche Guido Vitale.

Zagonetni naslov razstave kaže na nekoliko razčlenjen izbor del v razstavi, ki se nanašajo na zadnjo, najnovejšo in tudi na skoro tri desetletja staro produkcijo fotografa. Audace (it. drzen) se glasi tako pridevnik kot ime fotografiranega objekta: tržaškega pomola par excellence. "Drzen" je Giovanni Montenero, ki se ob vseh urah in vremenskih razmerah postavi vedno na isti kraj, ob vznožju Pomola Audace zraven bivše carinarnice, kjer je včasih stal potujoči fotograf, ki je s svojim aparatom in stojalom delal spominske fotografije za mimoidoče in obiskovalce mesta. Od tod, vedno z enakim kadrom, posname znane teme, otroke, ki se igrajo, upokojence, ki se sončijo, zaljubljence, ki se poljubljajo, križarskih ladje, ognjemete, regate, veslače, a tudi "nedojemljive razlike v spreminjanju sveta, ki ga obkroža", kot je Giulio Montenero zapisal v tehtnem in prisrčnem uvodu knjigi fotografij sina Giovannija, ki je izšla ob priložnosti.
Sosledico slik, ki obeležijo spreminjanje morske krajine z živahnimi in prijaznimi barvami, dopolnjuje cilkus ravno tako svežih in nenavadnih podob o Bori, kot ji pravijo v Trstu oz. Burji čez mejo, kjer se rodi (obala in notranjost Istre in Dalmacije) in najbolj razsaja (Kras in Vipavska).

Giovanni Montenero je zaposlen v deželni Agenciji Regione Cronache (od 1999) in kot uradni fotograf Dežele FJK dokumentira institucionalno dejavnost deželnega sveta in vlade. Znan pa je predvsem po svojem večdesetletnem delu kot fotoporočevalec za tržaške časnike od dnevnika Il Piccolo do Primorskega dnevnika, kjer je sodeloval s kolegom Davorinom Križmančičem. Sodeloval je z državnimi vodilnimi listi kot l'Unità (prav v začetku), Corriere della Sera, Repubblica, Gazzetta dello Sport, Espresso, Panorama, Famiglia Cristiana in celo za New York Times. Gre za polnega profesionalca in ustvarjalnega fotografa, ki je sodeloval tudi z mestnimi gledališči, od Rossettija in Verdijo do Slovenskega stalnega gledališča.
Skupaj s kolegoma časnikov Trieste Oggi in Cronaca del Nord Est, Barbaro Gruden in Alessandrom Marzom Magnom, je sledil jugoslovanskim vojnam. Na razstavi so njegovi prizadeti in občuteni posnetki v črno-belem iz cikla Finis Jugoslaviae o slovenski osamosvojitvi leta 1991, ki so nastali zraven Milj ob bivši meji pri Rabujezu.

Odprtje se bo pričelo z Godbo Ongia, ki jo vodi Marcello Sfetez, ob sklepu bo zdravica in degustacija z vinom Kmetije Bruno Lenardon iz Milj (kraj Pisciolon). Sledil bo ob 21.uri koncert Godbe pustne skupine Ongia na miljskem trgu Marconi.
Razstava bo na ogled do nedelje, 5. avgusta 2018: od torka do petka od 18.00 do 20.00, ob sobotah od 10.00 do 12.00 in od 18.00 do 20.00, ob nedeljah in praznikih od 10.00 do 12.00.

FVG_live
Video di presentazione
icona
video_muggia
Iscriviti
icona

Per rimanere sempre aggiornato sulle novità e le iniziative di Muggia e dintorni iscriviti alla newsletter con pochi e semplici passi!

Come arrivare
icona
mappa
puntatore Guida all'installazione dei punti di interesse di Muggia sui navigatori
puntatore Punti di interesse di Muggia per TOM TOM
puntatore Punti di interesse di Muggia per GARMIN
linea
Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Muggia
Piazza della Repubblica, 4 - 34015 Muggia (Trieste)

incipit

|    Home    |    Visitare Muggia    |    Appuntamenti    |    Mediagallery    |    Carnevale    |    Contatti    |
Do NOT click this link or you will be banned from the site, forever !