img_interna_1
iconaMostre

NON C’È ALTRA STRADA, SOLO ROUTE 66B

GRITON_Piccolo_corso_di_scienze__leo_y_acrlico_sobre_tela__150_x_200_cm
Giovedì 22 marzo, alle ore 18.30, negli spazi espositivi del Museo d’Arte Moderna "Ugo Carà" di Muggia, si inaugura la mostra "Non c’è altra strada, solo Route 66b", personale dell'artista messicano Antonio Gritòn, organizzata dal Gruppo78 e curata da Maria Campitelli, all'interno del progetto PRACC-Progetto Arte Contemporanea Carà 
di Massimo Premuda


L'esposizione, proposta dall’Associazione Gruppo78, è organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Muggia e si inserisce nel programma PRACC che l’Amministrazione Comunale di Muggia ha varato, già nel 2007, assieme alle associazioni culturali Gruppo78, Juliet e Photo-Imago con l’intento di promuovere e valorizzare le nuove forme artistiche contemporanee, in una prospettiva nazionale e internazionale.

La mostra si compone di pitture, installazioni, fotografie del periodo 2016 – 2018. Le fotografie sono tratte da interventi artistici svolti durante dimostrazioni politiche. Copre infatti una duplice attività, quella di artista appunto e quella di attivista. Il suo lavoro, o i progetti collettivi autogestiti comportano riflessioni su questioni di rilevanza e interesse comunitario. Da ciò si articolano le azioni dei cittadini verso la costruzione di infrastrutture artistiche e sociali, al di fuori di quelle ufficiali.

La sua attuale pittura ad olio, spesso di grandi dimensioni, è attraversata da un pensiero filosofico che si traduce in combinazioni astratte dove un corpo femminile destrutturato assieme a lacerti di paesaggi organici appare sovrastato da lucide geometrie. Caos e razionalità si fondono in armoniche composizioni.
La sua produzione artistica è davvero estesa sia nei temi che nella sperimentazione mediale. E’ un artista interdisciplinare e anche scienziato, in particolare matematico.
Negli anni ’80 guardava ad una figurazione di ispirazione pop con tendenze kitsch. Successivamente una fase astratta in b/n, di ispirazione quasi cinetica indusse l’artista ad illustrare concetti matematici come la teoria dei campi; più recentemente Griton è passato a questa pittura colorata, attraversata da uno straordinario flusso vitale che, nelle suoi complesse intrecci combinatori, racconta l’incessante trasformazione della realtà vivente.
Le ultime opere create appositamente per la mostra al Carà fanno affiorare elementi riconducibili alla realtà quotidiana, alla natura, come pure più in generale, alla conoscenza, svelando ancora una volta come la sua ricerca si fondi sulla scienza. Ciò è attestato in particolare da ”Piccolo corso di scienze” in cui si affacciano domande universali che l’uomo si pone da sempre.

Per quanto riguarda il titolo della mostra, Griton si ispira a Siqueiros, che in un certo momento ha detto:  "Non c'è altra strada che la nostra"  riferendosi al movimento muralista e all'ideologia comunista.
Per lui personalmente non c'è altra strada praticabile che il percorso anarchico o il movimento zapatista a Chiapas. Alcuni dei suoi interventi artistico/politici all'interno di dimostrazioni politiche rispecchiano questi convincimenti.
E' in sostanza un rivoluzionario dissidente che però si limita ad esprimere le sue convinzioni tramite i linguaggi della creatività
E' in ogni caso una personalità di grande impatto.

Prima di divenire artista Antonio Griton studia matematica e, non conformandosi a una sola visione della realtà, utilizza l’arte come metodo d’investigazione, cercando tecniche e soluzioni differenti per ogni serie di opere destinata ciascuna a una specifica linea investigativa. Ad esempio ha realizzato intorno al 2000 opere che interpretavano la psicanalisi, poi opere legate allo studio della linguistica, della lingua basca, poi della lingua natale, in un momento successivo si è dedicato allo studio degli effetti della luce e allo studio dell’ottica, per poi passare a installazioni dedicate a specifiche tematiche sociali. E’ dunque un artista versatile dalla ricerca molto ampia.  Nella realizzazione dei suoi lavori impiega ogni sorta di linguaggio, pittura, fotografia, scultura, installazioni, performance… E’ anche organizzatore, promotore di eventi e curatore artistico.

FVG_live
Video di presentazione
icona
video_muggia
Iscriviti
icona

Per rimanere sempre aggiornato sulle novità e le iniziative di Muggia e dintorni iscriviti alla newsletter con pochi e semplici passi!

Come arrivare
icona
mappa
puntatore Guida all'installazione dei punti di interesse di Muggia sui navigatori
puntatore Punti di interesse di Muggia per TOM TOM
puntatore Punti di interesse di Muggia per GARMIN
linea
Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Muggia
Piazza della Repubblica, 4 - 34015 Muggia (Trieste)

incipit

|    Home    |    Visitare Muggia    |    Appuntamenti    |    Mediagallery    |    Carnevale    |    Contatti    |
Do NOT click this link or you will be banned from the site, forever !