img_interna_1
iconaMostre

IL CARNEVALE NEL COSTUME

Lampo_web
Venerdì 23 gennaio alle ore 19.30 presso il Museo d'Arte Moderna "Ugo Carà", inaugurazione della mostra Il Carnevale nel Costume, costumi della Compagnia Lampo e della Filarmonica di Santa Barbara, organizzata nell'ambito del 62° Carnevale Muggesano dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Muggia e dall'Associazione delle Compagnie del Carnevale Muggesano



Venerdì 23 gennaio alle ore 19.30, inaugura, presso il Museo d’Arte Moderna Ugo Carà di Muggia, Il Carnevale nel Costume, mostra dei costumi della Compagnia Lampo e della Filarmonica di Santa Barbara. L'esposizione, la terza dedicata agli abiti e ai costumi che ripercorrono alcuni dei più significativi Carnevali di Muggia, è organizzata dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Muggia in collaborazione con l'Associazione delle Compagnie del Carnevale Muggesano nell'ambito del 62° Carnevale Muggesano per celebrare i 57 anni di attività della Compagnia Lampo e i 40 della Filarmonica di Santa Barbara che, nata nel 1975, è stata la prima banda del Carnevale Muggesano a venir integrata completamente nello spettacolo della sfilata dei carri allegorici, i suoi componenti infatti sono stati i primi a venir vestiti anch'essi con costumi coerenti al tema scelto dalla compagnia.

COMPAGNIA LAMPO
"La Compagnia LAMPO nasce la sera precedente l’anniversario di S. Martino del 1954 quando un gruppo di amici, girando per le cantine ed osterie della frazione di Santa Barbara, decide di “provare” ciascun vino … in queste provate condizioni di “spirito” e di corpo è inevitabile che più di qualcuno, per la grande gioia, decide di fare il saltimbanco, tanto più se questo qualcuno saltimbanco lo è già. Infatti Lorenzo TULL, in arte “Lampo” è uomo di circo (del famoso circo “Zavatta”), ex contorsionista, trapezista e trasformista … Fù così che la compagnia assume il nome di “Gruppo de amici de Lampo” e quindi “Lampo”. La compagnia all’inizio è forte anche dell’apporto di alcuni elementi delle compagnie Cornelio e soprattutto Grisa. Si racconta che, a seguito di questa fusione, si svolsero delle regolari votazioni (presso l’Osteria “De Maria” a Santa Barbara) per scegliere il nome della compagnia tra “Lampo” e “Grisa”, con l’esito finale che ben sappiamo (grazie all’apporto di tutte le donne anziane del rione). La Lampo è da sempre stata considerata una compagnia “ricca” (sia finanziariamente, ma anche di idee) grazie alle “contaminazioni” di nuovi elementi “triestini” ma anche di Zindis, Aquilinia e Chiampore. Padri storici sono: Carlo VIOLA, Elvino VIOLA, Miriano MERCANDEL, Fulvio TOMINI, Nico DUBROVNICH, Giuseppe CIACCHI (“Pino”), i fratelli ROMIO e Sandro BONATO (“Penel in smoio”). L’ascesa della compagnia inizia negli anni ’70 e fino alla metà degli anni ’80 la Lampo è la compagnia da battere. La sua caratteristica peculiare stà nella scelta dei soggetti, che spesso si richiamano a fatti di attualità altre volte attinti dalla storia antica ma sempre interpretati con grande senso artistico. Quello che impressiona maggiormente, oltre alla grandiosità e la cura che viene posta nella costruzione dei vari carri e nei costumi e pure l’eccellente coreografia frutto di attenti studi che danno quasi la sensazione che dietro gli esecutori ci sia la mano esperta di persone preparate professionalmente sotto il profilo artistico. Tanto che ogni sfilata annuale è la dosata sintesi di una metodica fase di ideazione e di allestimento in ogni dettaglio. Fiore all’occhiello è la Filarmonica di Santa Barbara (dall’origine ed ininterrottamente per quasi quarant’anni diretta dal maestro Liliano CORETTI, mentre attualmente la direzione è passata al maestro Roberto SANTAGATI), gruppo musicale nato nel 1975 per accompagnare le sfilate della compagnia ma che esegue concerti in Italia e all’estero con successo e soddisfazione, che quest’anno celebra solennemente il proprio quarantennale."

Diego Crevatin

 Compagnia Lampo e Filarmonica di Santa Barbara
"Tra i fondatori storici della Compagnia Lampo che sfila per la prima volta nel Carnevale Muggesano nel 1958, si fa forte l'idea negli anni antecedenti al 1975 che sia necessario creare una banda che sia un tutt'uno con la compagnia.
Fino al 1975 la compagnia, che prende il nome da Lorenzo Tull, di professione giocoliere, saltimbanco, "omo de mondo" in arte Lampo e nasce dalla fusione dei due gruppi mascherati di Santa Barbara e La Tappa-La Grisa, si appoggiava a bande che venivano ingaggiate per l'occasione.
Nel 1975 l'attuale Filarmonica di Santa Barbara viene fondata con il nome di Banda Giovanile di Santa Barbara e da allora non vi è sfilata che non presenti indissolubile il binomio Lampo-Filarmonica.
Racconta il nostro Elvino Viola che nei mesi antecedenti alla fondazione lui con altri storici esponenti della Lampo, tra cui "Pino Banda" (alias Giuseppe Bossi) andavano di casa in casa per Santa Barbara, La Tappa e La Grisa a reclutare i futuri musicisti.
La prima sfilata carnevalesca è quella del 1976 (XXIII Carnevale Muggesano) e la Banda Giovanile di Santa Barbara sfila non in divisa ma con un costume attinente al tema presentato in sfilata, ossia "Vecchia America (1840-1880 Mississippi)" e fornito dalla Compagnia Lampo. Questa della banda con un costume in tema con la sfilata è una novità assoluta nel Carnevale di Muggia che verrà successivamente ripresa dalle bande delle altre compagnie.
La Lampo nel suo palma res può vantare 11 primi posti nel Carnevale di Muggia, 9 di queste vittorie sono correlate alla compartecipazione con la Filarmonica.
Alla base del rapporto c'è stima e amicizia e si collabora in armonia e allegria gioendo dei successi e rafforzandosi con i risultati meno gloriosi.
La Filarmonica di Santa Barbara è stata diretta per moltissimi anni dal maestro Liliano Coretti a cui è subentrato da un paio d'anni il maestro Roberto Santagati."

Natascia Giani

Particolarità degli ampi e fascinosi costumi carnevaleschi in mostra, quasi degli abiti scultura, creati negli anni passati per sfilare in simbiosi con i carri del famoso Carnevale di Muggia, è l'assoluta libertà di utilizzo dei più disparati materiali, stoffa, gomma piuma, tulle, perle, ma anche materiali da ferramenta come filo di ferro, rete plastificata, vetroresina e fondi di bottiglia di plastica, arrivando fino agli addobbi natalizi con gingilli e punte di Natale, tutto rigorosamente cucito a mano.
Una vasta panoramica che, attraverso una trentina di costumi e divise, e altrettante esuberanti acconciature, testimoniano la creatività e tutta la fantasia che i veri protagonisti del Carnevale Muggesano impiegano fin dall'estate per la preparazione dei loro divertentissimi costumi. Piccoli capolavori di artigianato degni di un laboratorio scenotecnico pronti a sfilare nella cittadina istroveneta per la settimana più folle dell'anno.
Nel panorama dei Carnevali italiani infatti quello di Muggia si contraddistingue per l’assoluta originalità legata alla presenza delle maschere. Le maschere, circa 2000 sono i figuranti presenti in sfilata, costituiscono la caratteristica unica di Muggia non solo per l’altissimo numero di presenze ma per essere esse stesse intimamente legate ai carri allegorici della sfilata, vere e proprie scenografie dello spettacolo a tema proposto dalle singole Compagnie partecipanti al concorso della domenica di Carnevale.
L’interpretazione del tema di sfilata, presentato dalle singole Compagnie ogni anno diverso - più di 500 i temi trattati da non meno di 8 Compagnie in concorso in oltre 60 anni di Carnevale - è basato per la gran parte sul costume indossato dai partecipanti nonché sull’azione scenica, ovvero “brio e macchiettistica”, oggetto entrambi di apposita valutazione al fine dell’aggiudicazione dell’ambito Trofeo.

dal 23 gennaio al 22 febbraio 2015
IL CARNEVALE NEL COSTUME
costumi della Compagnia Lampo e della Filarmonica di Santa Barbara
nell'ambito del 62° Carnevale Muggesano
Museo d'Arte Moderna Ugo Carà, via Roma, 9
orario: da martedì a venerdì 17-19
sabato 10-12 e 17-19
domenica e festivi 10-12
ingresso libero

invito
FVG_live
Video di presentazione
icona
video_muggia
Iscriviti
icona

Per rimanere sempre aggiornato sulle novità e le iniziative di Muggia e dintorni iscriviti alla newsletter con pochi e semplici passi!

Come arrivare
icona
mappa
puntatore Guida all'installazione dei punti di interesse di Muggia sui navigatori
puntatore Punti di interesse di Muggia per TOM TOM
puntatore Punti di interesse di Muggia per GARMIN
linea
Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Muggia
Piazza della Repubblica, 4 - 34015 Muggia (Trieste)

incipit

|    Home    |    Visitare Muggia    |    Appuntamenti    |    Mediagallery    |    Carnevale    |    Contatti    |
Do NOT click this link or you will be banned from the site, forever !