img_interna_1
iconaMostre

QUANDO MORÌ MIO PADRE

ko_je_umrl_moj_oce
Mercoledì 23 aprile
 alle ore 18.30 presso la Sala Comunale d'Arte "Giuseppe Negrisin", inaugurazione della mostra "Quando morì mio padre. Disegni e testimonianze di bambini dai campi di concentramento del confine orientale (1942-1943)", curata da Metka Gombac, Boris M. Gombac e Dario Mattiussi, in occasione delle celebrazioni del 25 aprile, Anniversario della liberazione d'Italia


Mercoledì 23 aprile alle ore 18.30 inaugura, presso la Sala Comunale d'Arte "Giuseppe Negrisin" di piazza Marconi 1 a Muggia, la mostra storica "Quando morì mio padre. Disegni e testimonianze di bambini dai campi di concentramento del confine orientale (1942-1943)", curata da Metka Gombac, Boris M. Gombac e Dario Mattiussi, e organizzata dal Centro Isontino di Ricerca e Documentazione Storica e Sociale "Leopoldo Gasparini" in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Muggia, l’Associazione degli Sloveni del Comune di Muggia Kiljan Ferluga e la Sezione A.N.P.I. di Muggia, in occasione delle celebrazioni del 25 aprile, Anniversario della liberazione d'Italia.

La mostra è strutturata su ventisei grandi pannelli a colori, che riproducono scritti e disegni di bambini sopravvissuti alla deportazione nei campi di concentramento del confine orientale; realizzata in forma bilingue, indaga in particolare l’odissea dei bambini sloveni deportati nei campi di Gonars, Visco, Arbe-Rab e Monigo (Treviso) tra il 1942 ed il 1943.
L’esposizione, curata da Metka Gombac, Boris M. Gombac e Dario Mattiussi, è corredata da un volume dallo stesso titolo, che ripercorre le vicende storiche che portarono alla deportazione dei civili sloveni e croati nei campi di concentramento italiani, posti a ridosso del confine orientale, ed in particolare indaga la condizione dei bambini deportati in questi campi tra il 1942 ed il 1943.
I saggi contenuti nel volume consentono l’approfondimento dei temi affrontati dalla mostra, realizzata grazie agli scritti e disegni di bambini sopravvissuti alla deportazione e messi per la prima volta a disposizione dall’Archivio di Stato della Repubblica di Slovenia e dal Museo Sloveno di Storia Contemporanea di Lubiana.  Disegni e scritti vennero composti durante i corsi di terapia post traumatica avviati in strutture mediche partigiane dopo la liberazione dai campi, successiva all’8 settembre 1943.
Ai tentativi di terapia, attuati stimolando i bambini a far riemergere la memoria delle sofferenze patite per poterle elaborare, ed ai temi svolti nelle scuole elementari organizzate dalle forze partigiane, dobbiamo la conservazione di questi materiali che costituiscono oggi una delle testimonianze più preziose e drammatiche di una delle pagine più buie della nostra storia.
La deportazione dei civili sloveni ci colpisce forse ancora più da vicino rispetto ad altre tragedie legate alla Seconda Guerra Mondiale poiché molti dei campi di concentramento - come Sdraussina, Fossalon, Gonars, Visco - che ospitarono donne, anziani e bambini deportati sia dalle zone d’occupazione militare sia dal nostro territorio, sono luoghi che conosciamo ed in cui tutti noi ci siamo trovati, probabilmente senza immaginare che fossero stati teatro di tante sofferenze.

dal 23 aprile al 9 maggio 2014
QUANDO MORÌ MIO PADRE
disegni e testimonianze di bambini dai campi di concentramento italiani del confine orientale (1942-1943) 
a cura di Metka Gombac, Boris M. Gombac e Dario Mattiussi, Centro Isontino di Ricerca e Documentazione Storica e Sociale "Leopoldo Gasparini"
Sala Comunale d'Arte Giuseppe Negrisin, piazza Marconi, 1
orari: lunedì, mercoledì, sabato, domenica e festivi 10-12,
martedì, giovedì e venerdì 17-19,
eccezione per domenica 4 maggio 17-19
ingresso libero
giovedì 24 aprile visita guidata 18.30

invito

FVG_live
Video di presentazione
icona
video_muggia
Iscriviti
icona

Per rimanere sempre aggiornato sulle novità e le iniziative di Muggia e dintorni iscriviti alla newsletter con pochi e semplici passi!

Come arrivare
icona
mappa
puntatore Guida all'installazione dei punti di interesse di Muggia sui navigatori
puntatore Punti di interesse di Muggia per TOM TOM
puntatore Punti di interesse di Muggia per GARMIN
linea
Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Muggia
Piazza della Repubblica, 4 - 34015 Muggia (Trieste)

incipit

|    Home    |    Visitare Muggia    |    Appuntamenti    |    Mediagallery    |    Carnevale    |    Contatti    |
Do NOT click this link or you will be banned from the site, forever !