img_interna_1
iconaMostre

DIETRO LA MATERIA

valentinuz
Venerdì 20 luglio
 alle ore 18.30 presso la Sala Comunale d'Arte "Giuseppe Negrisin", inaugurazione della mostra Dietro la materia, personale di Enzo Valentinuz, a cura di Diego A. Collovini


Venerdì 20 luglio alle ore 18.30 inaugura "Dietro la materia", personale di Enzo Valentinuz, a cura di Diego A. Collovini, presso la Sala Comunale d'Arte Giuseppe Negrisin. La mostra, promossa dall'Assessorato alla Cultura e Promozione della Città del Comune di Muggia, presenta le più recenti opere dell'artista goriziano fra puntesecche, acquaforti, graffiti su intonaco e lavori di tecnica mista con pietre calcaree.
Enzo Valentinuz, nato a Romans d'Isonzo (Go) nel 1946, è stato allievo di Bruno Saetti e del suo assistente d'allora Carmelo Zotti negli anni '60 all'Accademia di Belle Arti di Venezia. Dopo aver interrotto per più di 30 anni la produzione artistica, nel 2004, su invito del Comune di Romans d'Isonzo, riprende l'attività con un atelier aperto ai giovani e alla formazione sullo studio della pittura murale, dall'affresco al graffito su intonaco. Negli anni ha allestito numerose mostre personali e partecipato a innumerevoli collettive, esponendo in Italia e anche in Francia, Austria e Slovenia.
Sui graffiti su intonaco, il critico Collovini afferma che: "E di altro spazio, quello della memoria e dell'essere, parla Valentinuz. Le sue opere, o meglio le sue pareti, esprimono un processo temporale in divenire fatto di velature e svelature.
Gli strati di malta (materia che permette l'antica tecnica del graffito) si sovrappongono come veli colorati con l'evidente scopo di cancellarne visivamente la successione. Solo in un secondo momento l'azione dello svelamento ri-costruisce, ricercando nello spazio dell'immaginazione e nel tempo della memoria, la figura capace di essere contemporaneamente espressione della quotidianità (come può essere il dialetto) e del passato. Svelamento dunque come espressione seguente al velare, al nascondere.
Una vaga metafora della vita dell'artista, dove l'azione dello svelare ricostruisce il divenire dell'essere; un po' quella duplice azione di ricercare sotto la materia, depositata dal tempo, le proprie esperienze umane e quelle di un passato d'artista.
Un gioco dialettico che proprio nell'azione dello svelamento permette alla figura di rivelarsi nell'azione del fare, riattraversando così gli strati che la vita ha sovrapposto.
Per questo, i suoi “lavori sono dei piccoli racconti di vita”."
E a proposito delle opere di tecnica mista con pietre calcaree, Diego A. Collovini sottolinea che: "Dopo aver graffiato la superficie degli intonaci per svelarne le forme nascoste, Enzo Valentinuz sente ora il richiamo della materia, e si fa così raccoglitore di pietre.
Sono le pietre del Carso che, con la loro storia (cui dà identità temporale facendo scorrer tra le schegge di roccia il filo spinato della prima guerra mondiale) e con la loro forma, dialogano con l'artista; il quale le sistema su un piano a volte colorato altre su sabbia.
In questo suo fare non è guidato dalla casualità ma intende seguire un ordine geometrico, come a distinguere il processo evolutivo ma degenerativo del tempo, da quello logico–compositivo dell'uomo. L'artista vuol così dar loro una diversa identità; quelle piccole pietre, spesso usate come lapis (appunto) per graffiare la roccia o tracciare segni sulla sabbia, attraverso un nuovo cromatismo, diventano altro: la metafora dei gessi colorati che disegnano il tempo e la storia di cui sono portatori."

dal 20 luglio al 12 agosto 2012
DIETRO LA MATERIA di Enzo Valentinuz
Sala Comunale d'Arte Giuseppe Negrisin, piazza Marconi, 1
orario: da martedì a venerdì 17.00-19.00
sabato 10.00-12.00 e 17.00-19.00
domenica e festivi 10.00-12.00
ingresso libero

FVG_live
Video di presentazione
icona
video_muggia
Iscriviti
icona

Per rimanere sempre aggiornato sulle novità e le iniziative di Muggia e dintorni iscriviti alla newsletter con pochi e semplici passi!

Come arrivare
icona
mappa
puntatore Guida all'installazione dei punti di interesse di Muggia sui navigatori
puntatore Punti di interesse di Muggia per TOM TOM
puntatore Punti di interesse di Muggia per GARMIN
linea
Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Muggia
Piazza della Repubblica, 4 - 34015 Muggia (Trieste)

incipit

|    Home    |    Visitare Muggia    |    Appuntamenti    |    Mediagallery    |    Carnevale    |    Contatti    |
Do NOT click this link or you will be banned from the site, forever !